progetto worldprogetto world

WA-CHINA Costruzione entro il 2025 di 180 hub logistici

Spread the love

Il “PROGETTO WORLD” attraverso la WORLD AREA CHINA, subholding di WORLD AREA HOLDING Srl, che opererà all’inizio del 2019, al fine di promuovere il processo d’internazionalizzazione delle PMI e, chiedendo il supporto dell’Ambasciata d’Italia a Pechino, sarà interessata ad inserire gli associati CISVAM, gli ecoporti galleggianti e la costituenda società WORLD AIRLINES per il trasporto aereo, anche cargo (vedi allegati), nel programma governativo cinese che prevede la costruzione di una capillare rete
di hub logistici nel Paese entro il 2025.

Il programma elaborato dalla National Development and Reform Commission (NDRC) e dal Ministero dei Trasporti cinese, annunciato il 24 dicembre 2018, prevede la costruzione entro il 2025 di 180 hub logistici in tutto il Paese, trenta dei quali,
da realizzare entro il 2020.
Tutto ciò per potenziare la rete, riducendo i costi della filiera logistica, portandoli al 12% del prodotto interno lordo.

Al fine di introdurre gli associati CISVAM, la WA-CHINA contatterà le 127 città cinesi, che dovranno realizzare sei tipi di infrastrutture, quali:
. interporti,
. porti marittimi,
. aeroporti,
. porti orientati ai servizi,
. porti specializzati per il commercio,
. interporti di frontiera                                                                                                                                               (TIBET EXPRESS: il treno del Cielo)

Inoltre,  il programma favorisce compagnie di trasporto aereo e ferroviario espresso, operatori del commercio elettronico, degli spedizionieri internazionali per potenziare le loro strutture e i loro servizi ed anche incentivi per l’applicazione delle nuove tecnologie, tra cui sistemi di automazione di porti e magazzini, camion a guida autonoma, robot e droni.

Inoltre, la WA-CHINA, nell’inserimento dei saperi innovativi degli associati CISVAM, promuoverà anche quello della filiera del biometano liquido per il rifornimento dei TIR e delle navi e ad inserirsi nei collegamenti internazionali quali ferroviari, stradali e marittimi con l’Europa, Italia compresa.